skipnavigation

 

Aotearoa, la terra dei Māori, nuova meta per meeting aziendali 

Curiosando nel Mondo

Emergente destinazione per eventi, grazie a strutture nuove e all’avanguardia, sicurezza e paesaggi mozzafiato da scoprire.

 

 

La Nuova Zelanda, in   Māori Aotearoa (terra della grande nuvola bianca), si sta affermando sempre di più nel mercato degli eventi, anche grazie ai tanti collegamenti offerti dall’aeroporto di Auckland, centro economico del Paese. Simbolo dello skyline di Auckland è la Sky Tower, la costruzione più alta dell’emisfero meridionale con i suoi 328 metri di altezza, che può essere visitata e sede per un pranzo o cena con vista panoramica. Numerosi sono gli spazi per eventi distribuiti sul territorio, ma degno di nota è senza dubbio l’International Convention Centre, attualmente in costruzione, che con 32.500 mq sarà il più grande e versatile spazio per meeting ed eventi di tutta la Nuova Zelanda. Un’apertura che conferma quanto la città si stia affermando come venue per eventi aziendali. Di grande prestigio è anche l’ANZ Viaduct Events Centre, la flagship venue per eventi e congressi, aperto nel 2011 nel vibrante quartiere di Wynyard Quarter completamente rinnovato negli ultimi anni. Ubicato direttamente sulla baia, ha una capacità di 1.200 persone nella sala plenaria e dispone di 7 sale distribuite su una superficie di 6.000m².        

 

Una natura “esplosiva”

La Nuova Zelanda grazie al territorio di natura vulcanica offre una varietà paesaggistica difficilmente visibile in altre zone del mondo – con montagne coperte da ghiacciai, fiumi, laghi limpidissimi e profondi, e geyser - da visitare e vivere in esperienze coinvolgenti anche con gruppi incentive e aziendali.

Uno dei principali vulcani sorge proprio su un’isola vicina ad Auckland, il Rangitoto Island, ed è visibile da tutta la città. Tra i paesaggi geotermali più belli, quello offerta nella nota località di Rotorua dove numerose sono le stazioni termali e gli hotel. Questo ne fa una location ideale per coinvolgere i partecipanti di un evento in numerose attività all’aria aperta tra cui: escursioni, rafting, sci, un rilassante pomeriggio tra i caldi fanghi in prossimità dei geyser, o per i più coraggiosi, bungee jumping.

Le antiche tradizioni Māori

I Māori, popolazione aborigena di origine polinesiana stanziata nell’isola, contraddistinguono la cultura neozelandese. Per chi voglia conoscere la cultura locale rappresentano quindi un riferimento immancabile. L’arte Māori si esprime perlopiù nella lavorazione di statuette in legno o avorio, che raffigurano gli antenati delle tribù, e nei tatuaggi tradizionali - i Moko - che gli uomini Māori si tatuano sul viso e sul corpo per incutere paura o indicare la propria appartenenza a un clan. Queste tradizioni sono visibili presso il museo più grande della Nuova Zelanda, il Te Papa Tongarewa (scrigno del tesoro), a Wellington, capitale del Paese, o la Galleria Nazionale di Auckland. Ma ancora più coinvolgente può essere assistere a spettacoli di canto e danze Māori tra cui la tradizionale Haka.

 

RESTA CONNESSO 
CON CWT 

per ricevere le nostre pubblicazioni 
e le ultime novità

Torna alla pagina iniziale

Imparare dal Rugby  

Gli All Blacks, squadra neozelandese di Rugby famosa in tutto il mondo, ben rappresentano la diffusione di questo sport nel Paese, che è lo sport nazionale. Sin dal lontano 1914, la squadra prima di ogni partita si esibisce in una Haka, una danza propiziatoria Māori che ha la funzione di infondere coraggio prima di una battaglia. Ne esistono diverse, ma quella che più frequentemente praticata è la Ka Mate. Assistere a quest’esibizione prima di una partita di Rugby può essere sicuramente un’attività interessante, in occasione degli eventi aziendali. Infatti, per quanto alcuni possano considerarlo uno sport violento, in realtà, si tratta di un’attività dove lo spirito di squadra e la cooperazione tra compagni sono indispensabili. Un concetto facilmente estensibile a un team di lavoro e ad attività di team-building.